Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l'Europa investe nelle zone rurali

rosso_bg
rosso_bg1
rosso_bg
rosso_bg1

VINI


STORIA

Il Marzemino di Refrontolo, oggi Refrontolo Passito, quasi si nasconde nel grande mare dei vigneti della zona tipica di produzione del Prosecco.

Le origini del Marzemino si perdono nel tempo, sono nebulose e controverse. Si ritiene che l'omonimo vitigno si sia diffuso, per opera dei coloni romani, in Carinzia prendendo il nome da Marzimin, villaggio di detta regione, e che da questa zona la coltivazione si sia estesa nelle regioni venete.

Nel secolo XV il Marzemino era conosciuto in tutta la Padania e nel Friuli; nella valle dell'Adige fu introdotto dalle milizie della Repubblica di Venezia nel periodo della sua massima espansione. Era conosciuto con diversi nomi locali: Marzemina, Bergemino, Berzemino, Barzemin, Marzemino.
Nei secoli successivi, dalla Vallagarina il Marzemino raggiungeva le corti di Innsbruck e di Vienna.

Oggi molte varietà di questo vitigno sono scomparse, specialmente a seguito di forti attacchi di "iodio" e sono rimaste le selezioni migliori che danno ottimi vini secchi nel Trentino, in Vallagarina, e nelle Grave del Friuli; vino amabile frizzante nel trevigiano, nella zona di Refrontolo, dove le uve vengono appassite sui graticci fino a Natale.

Qui si coltiva la vite da 700 anni avverte un cartello all'inizio del paese di Refrontolo, qui, in passato venivano a rifornirsi Dogi e Papi.